Daniel Panajotti - accademia tennis Verona

news & eventi

Giovedì 26 gennaio 2017

AUSTRALIAN OPEN NEWS - DAY 11

Stan Wawrinka (foto Tonelli)

(foto Tonelli)

Fonte: www.federtennis.it

Per leggere l'intero articolo: http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=83467

A 17 mesi dall’ultima volta (Us Open 2015), e a 35 anni suonati, Roger Federer è di nuovo in una finale Slam. Lo svizzero, 17esima testa di serie, si è aggiudicato per 75 63 16 46 63 il derby di semifinale agli Australian Open con il connazionale Stan Wawrinka, quarto favorito del seeding, dopo oltre tre ore di partita. Ultimo ostacolo per diventare leggenda (“King Roger” è recordman di trofei Major: 17) il vincente della sfida - in programma venerdì - tra lo spagnolo Rafael Nadal, nona testa di serie, ed il bulgaro Grigor Dimitrov, numero 15 del seeding. Per Federer è la 28esima finale Slam in carriera - l’ultimo trionfo è datato Wimbledon 2012 -, la sesta a Melbourne (eguagliato il primato di Djokovic).


ROGER PRONTO A RISCRIVERE LA STORIA - Federer è il tennista più anziano a raggiungere una finale Slam dai tempi di Ken Rosewall, l’australiano finalista agli Us Open del 1974 a 39 anni e 310 giorni. Il fuoriclasse di Basilea, a 35 anni e 174 giorni, è il più vecchio finalista a Melbourne dopo Rosewall (1972, 1971) e Mel Anderson (1972). Roger, che per la prima volta dopo 14 anni è fuori dai top ten (è arrivato a Melbourne da n.17), è il tennista con la classifica più alta in finale agli Aus Open da Jo-Wilfried Tsonga nel 2008 (n. 38), e in una finale Major in generale da Robin Soderling al Roland Garros del 2009 (n. 25). Con la vittoria in semifinale Federer è già sicuro di guadagnare tre posizioni (n. 14): per tornare tra i top ten - precisamente sulla decima poltrona - deve vincere il torneo. I numeri, però, gli sono contro: gli Australian Open sono il 196esimo Slam da quando il tennis è diventato open, cioè aperto ai professionisti, e da allora soltanto in tre occasioni il vincitore aveva più di 35 anni (il “solito” quel Ken Rosewall, fenomeno di longevità: US Open 1970 e Australian Open 1971 e 1972).

IL 17 “PORTA BENE” - Roger è il primo giocatore accreditato come 17esima testa di serie a raggiungere una finale Slam dal 2002, anno in cui l’impresa riuscì a Pete Sampras agli Us Open. Nell’occasione “Pistol Pete” fece anche di meglio, sbancando New York. Domenica “King Roger” giocherà il suo 100esimo match a Melbourne: solo un giocatore nell’Era Opn è riuscito a fare meglio, Jimmy Connors, che ne ha disputati 102 a Wimbledon e 115 agli Us Open (Federer è a quota 95 a Wimbledon, 89 agli Us Open ed 81 al Roland Garros).


RISULTATI GIOVEDI’ - Semifinali: (17) Roger Federer (SUI) b. (4) Stan Wawrinka (SUI) 75 63 16 46 63.
Venerdì semifinale: (9) Rafa Nadal (ESP) c. (15) Grigor Dimitrov (BUL).

di Tiziana Tricarico